Piazza Amendola 8, 40013 Castel Maggiore, Bologna

“Quantum satis” non significa “no limits”!

17_03_2020
17_03_2020

Di recente è tornata alla ribalta, tra gli operatori del settore, la questione dell’eccessivo impiego di ascorbati nei filetti di tonno non trasformato. A tal proposito la normativa ammette l’impiego di E 301 Ascorbato di sodio, e di E 302 Ascorbato di calcio, nel pesce non trasformato nella misura quantum satis, ma attenzione: questo non significa che non ci siano limiti di impiego! Anche i principi generali sull’utilizzo degli additivi (tra cui lo scopo di impiego delle varie categorie di additivi) e le definizioni, tra cui quella del termine quantum satis, sono determinati dalla legge.

A tal proposito la Nota del Ministero della salute allegata si è espressa in merito all’impiego di antiossidanti nei prodotti della pesca, riportando quanto ribadito dalla CE, secondo cui “il livello q.s. di acido ascorbico e dei suoi Sali (E300-302) nei filetti di tonno, ritenuto sufficiente ad ottenere l’effetto antiossidante desiderato, è non superiore a 300 mg/kg.

Per accedere alla sezione devi essere registrato.
Registrati

Lascia un commento

Cresta Help Chat
Invia

Per visualizzare il contenuto devi essere loggato.

Se non hai ancora un account clicca qui per registrarti.

Se non ricordi l'utente o la password scrivi a info@eurofishmarket.it

Per accedere alla Banca Dati Normativa di EFM crea il tuo Account:

Ho letto e accetto la privacy policy.