Piazza Amendola 8, 40013 Castel Maggiore, Bologna

“Quantum satis” non significa “no limits”!

17_03_2020
17_03_2020

Di recente è tornata alla ribalta, tra gli operatori del settore, la questione dell’eccessivo impiego di ascorbati nei filetti di tonno non trasformato. A tal proposito la normativa ammette l’impiego di E 301 Ascorbato di sodio, e di E 302 Ascorbato di calcio, nel pesce non trasformato nella misura quantum satis, ma attenzione: questo non significa che non ci siano limiti di impiego! Anche i principi generali sull’utilizzo degli additivi (tra cui lo scopo di impiego delle varie categorie di additivi) e le definizioni, tra cui quella del termine quantum satis, sono determinati dalla legge.

A tal proposito la Nota del Ministero della salute allegata si è espressa in merito all’impiego di antiossidanti nei prodotti della pesca, riportando quanto ribadito dalla CE, secondo cui “il livello q.s. di acido ascorbico e dei suoi Sali (E300-302) nei filetti di tonno, ritenuto sufficiente ad ottenere l’effetto antiossidante desiderato, è non superiore a 300 mg/kg.

Per accedere alla sezione devi essere registrato.
Registrati

Leave a comment

Cresta Help Chat
Invia