Piazza Amendola 8, 40013 Castel Maggiore, Bologna

“piano del mare” 2023-2024

A tutela dell’economia marittima nazionale e delle sue risorse il Governo ha deciso di instituire un “Piano del mare”, essenziale per uno sviluppo sostenibile in tutte le filiere marittime, che costituiscono una delle più importanti fonti di crescita e prosperità nella politica alimentare della nostra nazione. Conseguentemente al decreto-legge 11 novembre 2022 n. 173, che ha previsto l’istituzione di un Comitato interministeriale per le politiche del mare (Cipom), si è iniziato a definire un coordinamento strategico riguardo le politiche marittime, tramite l’organizzazione di incontri con esperti qualificati nel settore marino e figure istituzionali, con l’obbiettivo di valorizzare e promuovere la “risorsa mare” in tutte le sue sfaccettature: ambientali, economiche e politiche.

“Il piano mare” prende forma ufficialmente il 31 luglio 2023 e viene sviluppato intorno a sedici direttrici che riguardano la politica governativa nazionale marittima, tra le quali ad esempio le  rotte  commerciali,  i  porti, l’energia   proveniente   dal   mare,   la   transizione    ecologica dell’industria del mare, la pesca e l’acquacoltura. Il raggiungimento degli obbiettivi prefissati a tutela dell’economia marina sarà possibile solo esclusivamente tramite la sinergia di contributi di tutti i soggetti interessati, sia pubblici (attraverso il coordinamento del Cipom) che privati.

Per saperne di più visita il sito della Gazzetta Ufficiale

Lascia un commento

Cresta Help Chat
Invia