ALLEANZA COOPERATIVE, LA BUROCRAZIA SBARRA LA STRADA AI PESCATORI

Le ore di lavoro perse nel 2020 dai pescatori a causa della pandemia ed altro, per cui erano stati stanziati 20 milioni di euro previsti dal decreto interministeriale n. 1 del 3 febbraio 2021, rischiano di non essere indennizzate in moltissimi casi per i tempi troppo ristretti con i quali le imprese dovrebbero presentare le domande (entro il 28 febbraio prossimo), ricostruendo per ogni lavoratore l’attività non svolta nell’anno scorso.

A nulla è valso l’appello rivolto nei giorni scorsi dalle Organizzazioni cooperative, armatoriali e sindacali al neo ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Orlando. La proroga viene negata dalla burocrazia del ministero, che con la sua rigidità impedisce che molti dei 25mila lavoratori interessati possano usufruire dei fondi stanziati per l’emergenza sanitaria.

Una brutta pagina in cui lo Stato si mostra generoso offrendo sostegni per renderli subito dopo irraggiungibili.

 

Post Correlati

Leave a comment

Cresta Help Chat
Invia